Su Alice e il suo progetto-eredità

1

Come è iniziato

1.1

Poco dopo che Alice, la nostra amata Border Collie, è scomparsa, abbiamo scoperto che il tipo di cancro a cui Alice aveva ceduto era l’emiangiosarcoma – che in realtà, è uno dei tipi di cancro canino più aggressivi e incurabili. Le probabilità di sopravvivenza oltre l'anno sono inferiori al 10% e i tempi di sopravvivenza dipendono molto dalla dimensione del tumore.

Con il senno di poi, se avessimo avuto più conoscenze sulla malattia, la probabilità che Alice sopravvivesse più a lungo al suo cancro sarebbe stata molto più grande in quanto la diagnosi precoce è cruciale. Semplicemente non avevamo conoscenze di base sulla malattia, i suoi sintomi e sui metodi di rilevamento disponibili come l'ultra-suono. È stata una scoperta per noi devastante e ancora più difficile da prendere sapendo che con la nostra CONSAPEVOLEZZA, il risultato sarebbe potuto essere così diverso. Eravamo pieni di sensi di colpa e profondo dolore.

Abbiamo ricevuto letteralmente centinaia di reazioni alla morte di Alice, nonché lettere di condoglianze da tutto il mondo. Proprietari di cani provenienti da tutti gli angoli del mondo mi hanno raccontato storie spezza cuore  sull’emangiosarcoma. Ero - a dir poco - sorpresa e sconvolta allo stesso tempo: c'erano tanti altri proprietari di cani che dovevano affrontare lo stesso destino con i loro amati cani e che dovevano affrontare questa diagnosi fatale ugualmente ignoranti e impreparati come me. Questo non è  giusto! Ero indignata!

E’ così che ho deciso di dovee fare qualcosa di utile come creare l'Alice-Ribbon-Project, in memoria del nostro amato Border Collie Alice, e dare alla sua morte prematura un senso: Aiutare gli altri!

L'obiettivo delle attuali linee guida e degli strumenti di Alice-Ribbon non è quello di tracciare un quadro eccessivamente pessimistico, ma di contribuire ad aumentare la consapevolezza sul cancro canino tra i proprietari di cani di tutto il mondo, per informarli sulla prevenzione, sul follow-up periodico dal veterinario, sullo screening, sui sintomi e trattamenti per aiutare i cani a sopravvivere a questa crudele malattia.

Avendo dovuto imparare a percorrere questa difficile strada quando ci siamo confrontati con le importanti decisioni da prendere riguardo all'assistenza di fine vita di Alice, desidero anche presentare una serie di risorse ed elencare nonché commentare le diverse opzioni disponibili in questo campo per consentire al nostro migliore amico di mantenere una certa qualità della vita anche durante la fase finale della sua esistenza.

Spero di contribuire ad assicurare che i nostri cani ottengano le migliori cure possibili - prima della malattia, durante e quando entrano nella fase finale della vita. Vorrei fornire ai proprietari le informazioni necessarie per permettere loro di essere in grado di diventare membri pienamente integrati del team di assistenza sanitaria al fine di offrire l'assistenza medica di miglior qualità ai nostri cani.

Le conversazioni sulla diagnosi fatale, sul dolore e sull’accompagnamento a fine vita fatte con proprietari emotivamente e tecnicamente sopraffatti non sono certamente compiti facili per il personale veterinario e sanitario; le abilità di comunicazione con il cliente potrebbero non essere presenti nel curriculum universitario - non ancora perlomeno. Ci sono molte risorse interessanti disponibili online destinate agli operatori sanitari per migliorare le capacità di comunicazione e rendere così loro e i loro clienti più a loro agio in queste situazioni molto delicate. Sulla homepage di Alice-Ribbon i professionisti troveranno un kit di strumenti da parte dell'AAHA (American Animal Hospital Association). Risorsa interessante non solo per i professionisti!

Solo insieme (team sanitario e proprietari) possiamo fare la differenza per i nostri cani!

Dopo la diagnosi fatale, mi sentivo completamente persa, impotente, ignorante. L'unico modo per raccogliere rapidamente informazioni era internet. Ma non mi sentivo al sicuro: il problema con la ricerca di informazioni online è che molte risorse sono obsolete o non credibili, o addirittura contraddittorie. Questo è il motivo per cui ho deciso di creare un pool di informazioni, un compendio riguardante tutti gli aspetti del cancro canino, esaminati e valutati da esperti, in modo che sia possibile fare affidamento su di esso.

 Anche se il World Wide Web è una grande risorsa - incluso questo sito - esso non dovrebbe mai sostituire le informazioni che ricevi dal tuo veterinario.

 Non sono un veterinario, né ho alcun background medico di sorta. Pertanto, ho collaborato con il Centro per l'oncologia animale (AOI) Hünenberg Svizzera, al fine di garantire che le informazioni che ho raccolto e presentato su questa homepage fossero clinicamente valide e giustificabili. In particolare vorrei ringraziare il Dr. B. Kaser-Hotz e il Dr. I. Flickinger per la loro assistenza e la loro guida, senza di essi la realizzazione di questa homepage non sarebbe stata possibile.

 Ovunque io citi informazioni interessanti trovate in rete, fornirò il link, affinché il lettore possa impegnarsi in uno studio più approfondito.

 Prima di tutto, vogliamo raccomandare a tutti i proprietari di animali domestici di consultare il loro veterinario. Le informazioni qui contenute sono intese come una risorsa e un aiuto per ulteriori ricerche, per fornire informazioni sufficienti per aiutarvi a porre le domande giuste - ma non sono esaustive. E non costituiscono un'approvazione o una raccomandazione del Centro AOI Hünenberg. Si prega di mantenere il dovuto giudizio nella ricerca di queste fonti e fare la scelta migliore per il vostro animale domestico.





La storia di Alice

Alice,
Jewel del Mulino Prudenza
31.3.2008 – 4.9.2017

Il Potere dell’Amore – L’eredità di Alice come membro della famiglia

1.2.1

Ricordo il giorno in cui ti abbiamo portato a casa per la prima volta come se fosse ieri - non posso credere che siano già passati oltre 9 anni. Sei entrata nella nostra vita come una stella cadente. Niente sarebbe mai stato come prima: hai cambiato le nostre vite - in meglio.

Avevi gli occhi più dolci e il sorriso più affascinante: eri semplicemente il cucciolo più bello. All'inizio eri un cane molto timido e piuttosto ansioso. Ma ti abbiamo protetta con il nostro amore, fin dal primo istante. Hai rubato i nostri cuori e presto sei diventata un cane sicuro di sé e orgoglioso.

Dal primo momento in poi, siamo diventate inseparabili. Ci hai accompagnato ovunque andassimo: anche alle mie lezioni all'università di Lugano. Non dimenticherò mai con quanto orgoglio hai camminato su per le scale, direttamente nella mia classe. Tu eri il mio assistente universitario e la stella tra gli studenti.

Ci hai amato incondizionatamente, come eravamo, nonostante le nostre carenze e la mancanza di esperienza cinofila.

 

Sei arrivata nella mia vita in un periodo buio e mi hai aiutata a superare momenti molto difficili. Non ce l'avrei fatta senza di te. Eri il mio cane assistente.

 

Tu eri un cane unico, un "cane da una vita", un "cane da una volta su milioni", si dice. Eravamo anime gemelle e abbiamo vissuto insieme innumerevoli avventure: grazie al tuo successo nella disciplina del freestyle, abbiamo viaggiato per il mondo, vinto innumerevoli trofei internazionali; gli articoli su di te sono stati pubblicati in innumerevoli riviste e giornali, sono stati prodotti reportage cinematografici e televisivi. Eri un numero UNO, una star del mondo dello sport. Ci siamo divertite così tanto insieme e abbiamo imparato tanto l'uno dall'altro.

Tu eri la madre adottiva e la stella cometa più meravigliosa - e rigorosa - di Lisa e Mona e hai insegnato loro a diventare i migliori cani che si possano desiderare. Hanno imparato tanto da te. Quanto divertimento con il tuo branco MonALisa (Mona + Alice + Lisa).

 Tutti i miei pensieri, ogni fibra del mio essere, ogni singolo battito del mio cuore, tutte le mie gioie e preoccupazioni sono state dedicate a te. Eri la mia vita, la mia Alice nel paese delle meraviglie.

Poi, all'improvviso, inaspettatamente, sei diventata molto malato e il destino ha deciso che era ora che te ne andassi. Avevi solo 9 anni e mezzo, troppo giovane per diventare una stella cadente! Siamo rimasti senza parole! Ci hai dato 3 settimane per dirti addio.

 

Adesso te ne sei andata…

 

Siamo stati i tuoi protettori per tutta la vita, ma non siamo riusciti a proteggerti dal cancro. Siamo infinitamente grati per il tempo che ci hai dato per condividere la tua compagnia, per tutti i momenti belli e indimenticabili, ma ne volevamo di più !! Volevamo invecchiare insieme a te, vedere il tuo muso sorridente ogni mattina, volevo giocare più spesso con il tuo frisbee preferito, nuotare in più laghi con te, avere più scontri a palle di neve, farti scavare più buchi nel giardino , darti più baci, camminare di più sulle montagne che hai amato così tanto, mangiare più hot dog insieme al Djurgårdsbrunnbro-kiosk di Stoccolma, e molto altro ancora. I nostri cuori erano spezzati.

Rimarrai sempre nostra amica, nostra figlia, nostra sorella, nostro partner, la nostra STAR. Il tuo muso sorridente è inciso nei nostri cuori, il tuo amore incondizionato riempie i nostri cuori, e lo farà per sempre !! Ma come sopravviveremo "per sempre" senza di te al nostro fianco?











Ci hai amato incondizionatamente, come eravamo, nonostante le nostre carenze e la mancanza di esperienza cinofila.

Il potere dell’amore – L’eredità di Alice nello sport

1.2.2

Oltre ad essere un meraviglioso cane di famiglia, sei diventata un cane prodigio nello sport del freestyle  anche se abbiamo iniziato ad allenarci solo quando avevi già 3 anni e mezzo.

E tutto è iniziato con un colpo di fortuna. Non avevi una personalità facile, e l'obbedienza quotidiana non era il tuo forte. Siamo passati da un corso di addestramento all'altro, ma niente sembrava funzionare. Abbiamo deciso di prendere parte a una lezione di obbedienza, ma ahimè, il corso era già al completo. C'era solo un posto disponibile in un corso chiamato dog dance - "solo il cielo sa cosa sia", pensai, "ma ci provo". E - le meraviglie accadono ancora! - l'hai adorato, e anche io! Il tuo straordinario talento è stato notato fin dall'inizio. Abbiamo iniziato a praticare questo sport, combinato con la formazione di  clicker training, come un'attività divertente - e quanto è stato divertente!

Con il tuo straordinario talento e la passione per le nostre sessioni di allenamento, cara Alice, hai sempre rivoluzionato lo sport della dog dance - HTM e  freestyle allo stesso modo. Hai lasciato un'importante eredità a questo sport cinofilo. Hai dimostrato che con un alto livello di difficoltà tecnica e precisione e con un conduttore che enfatizza e migliora i movimenti del cane (invece di essere il personaggio principale e il cane solo un oggetto ...), questa meravigliosa disciplina cinofila può entrare a far parte degli sport di alto livello. Con le tue capacità - frutto del talento naturale ma anche del nostro lungo allenamento - hai dimostrato che la dog dance può essere più di un'attività divertente e un passatempo carino, e più che una serie di tricks spettacolari eseguiti con la musica di sottofondo.

Anche se i cani non sanno ballare, penso che siamo state in grado di dimostrare che con una coreografia artistica attentamente pianificata basata sull'interpretazione musicale, la squadra di cane-conduttore può produrre coreografie bellissime, stupende e appassionate con un'alta difficoltà tecnica e comunque interessanti ed eccitanti da guardare per il pubblico. Grazie ancora, cara Alice, per aver infettato tanti amanti del cane con il virus di questo sport appassionato.

Hai reso il potere dell’amore visibile in tutti i ring in cui ci siamo esibite!

FCI Campionato Mondiale di Dog Dance Freestyle 2016, Mosca - 1. posto Yvonne Belin con Alice

 

FCI Campionato Mondiale 2014 di Dog Dance Freestyle, 2. posto Yvonne Belin con Alice

Crufts International Dog Dance Freestyle 2013, Ingliterra, 4. posto Yvonne Belin con Alice

  



Il tuo straordinario talento è stato notato fin dall'inizio.

Il potere della forza –
Alice e il cancro

1.3

Alice ed io siamo state inseparabili fin dall'inizio: pochi i momenti che non abbiamo trascorso insieme. Abbiamo viaggiato insieme, è venuta ad assistermi al lavoro all'università (i miei studenti l'hanno amata e ha dimostrato quanto fosse orgogliosa di aiutarmi durante le mie lezioni), ci siamo addestrate nel freestyle insieme vincendo quasi tutti i premi che si potevano vincere nel nostro sport a livello internazionale. Tra i numerosi premi, abbiamo vinto il Campionato Europeo 2012, siamo state Vice Campione Mondiale nel 2014 e Campione del Mondo nel 2016. Abbiamo scalato innumerevoli montagne in Svizzera, fatto innumerevoli escursioni, giocato nella neve, nuotato nei laghi alpini ....

 Quando la mia vita era in un periodo buio, lei era al mio fianco. Quando la mia vita era nel periodo migliore, lei lo condivideva con me. Era il mio nord e il sud, il mio est e ovest. Ogni pensiero e azione nella mia vita erano dedicati a lei.

La protezione della sua salute era fondamentale per noi. Dato che lei era un cane sportivo al più alto livello internazionale, ho preso tutte le precauzioni immaginabili per evitare infortuni:  il nostro allenamento è stato costruito utilizzando warm-up, esercizi cardiovascolari e fasi di raffreddamento. L'ho regolarmente fatta controllare dal fisioterapista e dal veterinario. Nessuna vaccinazione è stata saltata e sono stati eseguiti esami del sangue periodici, ogni test ha dato i risultati migliori: era in ottima forma. La sua dieta era ottimale: le abbiamo dato alimenti crudi biologicamente appropriati (BARF) e tutti gli integratori necessari. Ho fatto grooming regolarmente: il suo brillava come uno specchio. Era amata e curata, 24 ore al giorno. Alice sembrava molto più giovane della sua età, in forma e felice.

Eravamo tutti indescrivibilmente felici insieme - io, mio marito, Alice e le sue due sorelle adottive, Mona e Lisa.

Solo qualche volta - quando eravamo particolarmente felici insieme, l'intero branco, Kazuto e io - una paura inspiegabile mi faceva pensare che  "tanta felicità non può durare per sempre" ...

E non è stato così…

 

Poi - di punto in bianco – il fulmine a ciel sereno. L'estate del 2017 era stata particolarmente calda e Alice sembrava molto stanca all'inizio di agosto. Ho dato la colpa al caldo e l'ho lasciata stare tranquillamente al fresco nel giardino. Poi un giorno ho notato che la sua lingua era bianca, come spesso accade quando si soffre di influenza. Ho telefonato al veterinario e lui mi ha rassicurato dicendo che era certamente dovuto al caldo, e mi ha raccomandato di lasciarla in pace, lasciarla stare in silenzio. E così ho fatto. Tuttavia, il giorno successivo ha iniziato a rifiutare il cibo, mostrando segni di debolezza: proprio lei che era così forte. Eppure, anche le sue gengive erano bianche. Sono andata subito dal veterinario ... e in pochi minuti le è stato diagnosticato un cancro alla milza (emangiosarcoma) allo stadio finale, la milza era già stata compromessa. Una condanna a morte! Stava sanguinando a morte internamente. Il veterinario ha suggerito di iniziare a pensare all'eutanasia. Ero esterrefatta !! Il cielo ha chiuso la sua porta. Una valanga - rumorosa, fredda, buia e insensibile - ci ha sepolti, ci ha rinchiusi, trascinati nell'Abisso. Pensavamo non potesse essere vero: negazione!

Eravamo persi, incapaci di pensare in maniera chiara, incapaci di capire la dimensione di ciò che ci era stato comunicato. Come poteva essere possibile? Ci siamo divertiti così tanto con lei soltanto un paio di giorni prima! Era sana, in forma e attiva come un cane giovane. Era un cane così forte!

Ma non ci è stato dato il tempo di pensare. Dovevamo portarla immediatamente in una clinica veterinaria specializzata per un intervento chirurgico. La sua milza doveva essere asportata chirurgicamente per bloccare l’emorragia interna. Il mio secondo Border Collie Lisa ha dovuto donare il sangue, in quel momento ed in seguito !!

Stavamo soltanto reagendo, fidandoci ciecamente e seguendo le istruzioni e spiegazioni fornite dal team sanitario. Ogni spiegazione che il veterinario, molto comprensivo, ci forniva veniva recepita attraverso una fitta nebbia, eravamo colpiti da una terminologia medica a noi non famigliare. Stavamo addentrandoci in un terreno sconosciuto, in una terra straniera: a causa della nostra ignoranza, non eravamo nemmeno in grado di porre le domande giuste. Non conoscevo l’esistenza di un organo chiamato milza, non ne conoscevo la funzione, non sapevo che l'emangiosarcoma era il tumore più comune della milza nel cane.

Siamo rimasti piuttosto sorpresi, tuttavia, di vedere la rapida ripresa di Alice dopo l'intervento!! Sembrava appena nata, felice, attiva, leggera: da dove prendeva tutta questa forza? Pensavo di essere vittima di una falsa diagnosi, di essere attori sul set del film sbagliato... Eravamo felici di vederla così sveglia, desiderosa di ricominciare la sua vita attiva,  per quanto la sua cicatrice potesse permetterle. E avevamo iniziato a contrattare con il destino: "Se Alice sopravvive a questo incubo, promettiamo di fare questo o quello ....".

Non appena la cicatrice è guarita, 2 settimane dopo l'intervento, siamo stati inviati ad un programma di chemioterapia,  che ci ha dato molte speranze:  il cane sarebbe guarito e avrebbe vissuto per molti anni a venire !! Tuttavia, il secondo brutto colpo è arrivato quando ci è stato spiegato che la chemioterapia nei cani non mira alla guarigione ma al prolungamento dell'aspettativa di vita e al miglioramento della qualità della stessa nei restanti mesi. In altre parole, è stata condannata irrevocabilmente ... Ci siamo sentiti presi in giro dalla vita: rabbia!

Tuttavia, eravamo consapevoli che la fine stava giungendo, anche se Alice era ancora piena di vita e forza. Quindi desideravamo solo rendere memorabili gli ultimi mesi, per lei e per noi. Abbiamo deciso di non cedere alla depressione. Non abbiamo avuto il tempo di dispiacerci per noi stessi, di sentirci in colpa a causa di Alice. Abbiamo dovuto rendere i nostri ultimi giorni insieme davvero speciali. Quindi accettammo il nostro destino e iniziammo a creare una lista delle cose da fare. La lista di Alice, con le attività che amava di più. La lista era lunga e per poco più di una settimana siamo stati  in grado di fare un bel po' di cose insieme ad Alice, attività divertenti che sapevamo che lei avrebbe amato: E lo adorava, ogni minuto insieme al suo branco. È stato semplicemente fantastico vedere quanto fosse felice, in forma, attiva, piena di vita: era così forte!

Tuttavia, il cancro non le ha concesso i mesi promessi, non siamo stati in grado di completare la lista ... C'erano ancora così tante voci che volevamo spuntare insieme a lei, tra quelle: "Invecchiare insieme".

Ci è stato detto che Alice avrebbe potuto sentirsi un po' male dopo la chemioterapia. Non aveva mostrato alcun effetto collaterale dopo la prima iniezione, ma 10 giorni dopo, ha iniziato a sanguinare pesantemente dalla vescica, tuttavia era ancora in forma e mangiava con appetito. Siamo andati nuovamente dal veterinario, dove ci hanno detto le rimanevano soltanto un paio di giorni o forse una settimana di vita. La piccola speranza residua ci è stata tolta: depressione e rassegnazione!

Un paio di giorni dopo, il 2 settembre, è crollata e senza riuscire a rialzarsi: la sua forza l'aveva abbandonata. L’abbiamo stesa sul nostro letto, accanto a noi, dove lei dormiva tranquillamente. Mostrò ancora la volontà di vivere, ma il suo corpo non l'avrebbe più supportata.

Il giorno seguente l'ho adagiata sull'erba fresca del giardino, e lei l'ha adorato - e ha persino iniziato a rincorrere le mosche 😉. Ma lei non era  più in grado di alzarsi in piedi. Non mangiava né beveva. Era la fine.

 

Ci siamo sentiti grati per gli ultimi giorni che eravamo stati in grado di trascorrere insieme.

 

Nella notte del 4 settembre 2017 è morta naturalmente, a casa sua, tra le braccia di mio marito.

 

 

 

 

 

 

 

  



When my life was at its darkest, she was at my side. When my life was at its best, she shared it with me. She was my north and south, my east and west. Every thought and action in my life was dedicated to her.