Domande da porre al proprio veterinario?

12

 

Andare dal veterinario per un problema di salute del vostro animale domestico può essere un momento molto difficile a causa della preoccupazione di ciò che potrebbe accadere, di quale potrebbe essere la diagnosi. Per rendere la tua visita il più efficiente e utile possibile, devi assicurarti di essere preparato in anticipo, di utilizzare il tempo in modo efficace presso l'ufficio del veterinario e di essere pronto ad assumerti il ​​carico del badante in seguito.

Tanto più come badante siete informati, preparati intellettualmente e psicologicamente sull'intero processo - dalla diagnosi, dal trattamento, fino alle cure di fine vita - quanto più potrete far fronte al carico del badante e allo stress psicologico del dolore.

 

UNA COMUNICAZIONE DETTAGLIATA SUI TEST DIAGNOSTICI, SUI TRATTAMENTI, LE TERAPIE, I FARMACI, GLI EFFETTI COLLATERALI, IL PROGRESSO DELLA MALATTIA, ECC. È LA CHIAVE PER UNA CURA DI SUCCESSO E PER LA GUARIGIONE!

Come fare lavorare il tuo veterinario al suo meglio?

12.1

Una comunicazione di successo è il fulcro della fornitura di una diagnosi e di un'assistenza medica di alta qualità per il vostro cane ed è la chiave per creare fiducia e una forte relazione tra il veterinario e il badante.

Tuttavia, molte cose possono andare storte qui se tu come badante non sei preparato. Una cattive comunicazione tra te e il veterinario può causare malintesi, diagnosi errate, conflitti e frustrazione - e, alla fine, la morte.

Sfortunatamente, ho dovuto imparare questo nel modo più difficile! (vedi capitolo 12.3.)

Per aiutare altri badanti di pazienti oncologici ad evitare i problemi che abbiamo incontrato, desidero presentare alcune linee guida per aiutarvi attraverso la diagnosi, il trattamento e la fase di fine vita e per essere sicuro, per quanto umanamente possibile, che tutto sia fatto per il meglio del tuo cane.

Sono certo, tuttavia, che le sfortunate esperienze che abbiamo avuto con il nostro cane Alice non sono affatto tipiche ma sono probabilmente più l'eccezione che la regola. Nella maggior parte dei casi, la comunicazione tra i proprietari di cani e veterinari funziona perfettamente. Ma, poiché non vogliamo correre il rischio, consiglio di prendere misure preventive:

 

PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE!

Descrivere e chiedere,
ma non dire e spiegare!

12.1.2

Un'abilità di comunicazione di base è quella di descrivere e porre domande aperte invece di esprimere le proprie supposizioni per lo più non professionali.

Le domande chiuse prevedono risposte del tipo "sì" o "no". Con domande chiuse la cui risposta è "sì o no", potresti interrompere la conversazione, risultantdone una valutazione incompleta. Hai bisogno di ricevere dal tuo veterinario risposte costituite da più di una sola parola, il che significa che devi porre domande a risposta aperta: quando, dove, come, perché ....?

Immaginiamo la seguente situazione fittizia:

Vai dal tuo medico di famiglia con un problema di salute. Gli dici che da un paio di giorni soffri di mal di pancia perché hai mangiato troppo cioccolato. Il medico riconoscerà queste informazioni e ti fornirà un farmaco come il Bioflorina per alleviare il tuo sistema digestivo e il mal di stomaco. Molto probabilmente non ti sottoporrà a una serie di test diagnostici per scoprire perché soffri di mal di stomaco - perché gli hai dato una diagnosi pronta.

Se avessi appena detto al tuo praticante che hai sofferto di un brutto mal di stomaco per 3 giorni, avrebbe iniziato diversi test di screening per scoprire cosa c'era dietro il tuo dolore.

In una parola, in questo caso clinico inventato, non hai mai dato al tuo medico la possibilità di pensare a un elenco di ragioni per il tuo dolore e avviare una serie di test di diagnosi per trovare cause plausibili e formulare una o più diagnosi. Sei venuto con una spiegazione e alcune supposizioni prive di esperienza, invece di porre domande aperte. Questo non è un buon approccio comunicativo!

Pertanto, quando vai da un veterinario per l'esame dei sintomi che hai notato, è imperativo che tu descriva le condizioni del tuo cane e ponga al tuo veterinario domande aperte: non iniziare a dare spiegazioni personali e diagnosi non specialistiche, che potrebbe distogliere il pensiero del veterinario su altre cause possibili e plausibili.

Non dimenticare: lascia che il tuo veterinario faccia il suo lavoro! È suo compito ascoltare la tua descrizione dei sintomi e delle anomalie che hai notato, scoprire quali potrebbero essere le cause di questi sintomi usando i test diagnostici e di screening e poi pronunciare una probabile diagnosi, che sarà poi seguita da una trattamento adattato.

NON È IL TUO LAVORO!

Inoltre, non dimentichiamo che i veterinari hanno spesso un orario molto rigido da gestire e sono spesso desiderosi di non tenere i clienti in attesa all'esterno: Time is money. Quindi alcuni veterinari potrebbero essere tentati di ascoltare e accettare il tuo giudizio. Questo può essere pericoloso.

 

 

12.2

 
Chiedi al tuo veterinario cosa devi sapere

12.2.1

Ecco alcuni punti / linee guida che vuoi considerare per rendere la collaborazione con il tuo veterinario un successo:

  • 1. Annota le condizioni del tuo animale: Sintomi

    Se qualcosa ti preoccupa del tuo animale domestico, è molto utile tenere appunti sulle cose che hai notato, come riduzione dell'appetito, perdita di peso, mordere una zona del corpo, andare avanti e indietro , fare strani rumori o avere il vomito. Dovresti anche essere in grado di fornire informazioni sulla durata del problema, sui sintomi precisi e sulle reazioni insolite che hai notato nel tuo animale.

  • 2. Non ci sono domande stupide!

    Non esistono domande stupide, imbarazzanti e inquietanti. Il minimo cambiamento nelle condizioni del tuo animale potrebbe essere il sintomo di un problema più grande. Non esitate a chiedere al vostro veterinario e ad insistere su ulteriori esami medici e / o una seconda opinione, se necessario, che utilizzi diversi metodi di indagine rispetto al primo veterinario . Sei il responsabile del tuo cane e sei quello che lo conosce meglio, quindi non accontentarti di belle parole e veloci spiegazioni.

    Non lasciarti impressionare dall'effetto dell'autorità "camice bianco"!

  • 3. Non perdere tempo!

    Non aspettare troppo a lungo per affrontare un problema che hai notato nel tuo animale. Alcuni problemi possono trasformarsi in gravi emergenze nel giro di 24 ore. Per molte condizioni (come nel caso della lingua bianca e delle mucose di Alice), un'azione rapida e un trattamento immediato possono salvare la vita del tuo animale. Se il tuo ufficio veterinario è chiuso per il fine settimana o non ha la capacità di riceverti, contatta immediatamente un altro veterinario o una clinica. Questo potrebbe essere il momento per insistere e reagire rapidamente.

  • 4. Preparare le domande per la consultazione dal veterinario

    Può aiutare a scrivere una lista di domande, in modo da avere tutte le informazioni necessarie e non dimenticare nulla quando si parla al veterinario. Potrebbero essere domande sui trattamenti, le erapie, le raccomandazioni dietetiche, lo sviluppo futuro della malattia, i consigli su come organizzare l'assistenza a casa, su come somministrare un farmaco prescritto, ecc.

  • 5. Presta attenzione all'esame

    Questo non è il momento di controllare il tuo smartphone! Guarda attentamente cosa sta facendo il veterinario e presta attenzione se ti dice qualcosa di importante sulle condizioni del tuo animale. Se hai domande su ciò che il veterinario sta facendo durante l'esame, abbi cura di chiedere.

  • 6. Ottieni quante più informazioni possibili su ulteriori opzioni diagnostiche

    Tu come curante del tuo animale vuoi essere sicuro che tutte le possibilità diagnostiche sono state usate per trovare la diagnosi corretta. Fatti spiegare tutto, tante volte quanto é necessario, per chiarire ogni dubbio e prepararti come curante a ciò che ti aspetta e a come reagire ad esso.

    Chiedi al tuo veterinario tutte le informazioni che riguardano i risultati dell'esame e fagli spiegare (in un linguaggio comprensibile) quali possono essere le cause dei sintomi mostrati dal tuo cane. Chiedigli di darti i suoi consigli. Se il tuo cane non sta bene o se durante il primo esame è stato riscontrato qualcosa di anormale, il veterinario dovrebbe discutere i dettagli di ulteriori possibili test diagnostici di follow-up per ottenere un risultato affidabile. Se sono raccomandati ulteriori test diagnostici, chiedi al veterinario di spiegare quali test vuole fare, qual è la procedura, quali i possibili effetti collaterali e le reazioni, cosa gli diranno questi test e quanto costano.

    Vuoi assicurarti che tutte le possibili opzioni mediche siano state sfruttate a favore della cura del tuo cane.

  • 7. Ottieni quante più informazioni possibili sulle opzioni di trattamento e terapia

    Se i trattamenti e la terapia sono raccomandati, chiedi al tuo veterinario per spiegare cosa comportano i trattamenti, qual è la procedura, quali effetti collaterali potrebbero avere, come aiuteranno il tuo cane - e quanto costano.

    Presta attenzione a ciò che viene comunicato. Chiarire tutto ciò di cui non si è sicuri. Insistere con il veterinario perché usi una lingua che tu possa capire, non il gergo medico o abbreviazioni. Il veterinario dovrebbe prendere tutte le misure necessarie per assicurarsi di essere ccompreso e dovrebbe chiedere se avete domande prima di lasciare la stanza.

  • 8. Chiedi un test diagnostico e un trattamento da uno specialista

    Se vuoi vedere un veterinario con una formazione più specializzata nelle condizioni del tuo cane, chiedere un inviato da uno specialista o una clinica.

  • 9. Parla dei tui limiti emotivi, temporali e finanziari

    Di' al tuo veterinario il livello di assistenza che ti aspetti per il tuo cane (se possibile cura completa o solo la gestione del dolore, l'ospizio ecc.), così come i limiti emotivi, temporali e finanziari .

  • 10. Chiama il veterinario se hai altre domande

    A volte non ricorderai tutto ciò che ti ha detto il veterinario o qualcos'altro ti verrà in mente dopo la visita. Sentiti libero di chiamare e parlare con il veterinario per ottenere informazioni su quei punti risolti rapidamente.

    È il suo lavoro di rispondere a tutte le tue domande!

  • 11. Materiale scritto

    Richiedi materiale di riferimento e dispense con informazioni sulla diagnosi, i trattamenti, i farmaci e le terapie che puoi leggere a casa, in un momento più tranquillo e rilassato.

  • 12. Informati sulle finanze

    Prendersi cura di un animale domestico può essere molto costoso, specialmente se il tuo cane ha bisogno di cure mediche aggiuntive. Se il veterinario suggerisce qualcosa, sii disposto a discutere delle possibili opzioni. Ciò può comprendere se l'assicurazione animale coprirà i costi, se ci sono procedure meno costose, o se vi è la possibilità di pagare le grandi fatture a rate. Sii onesto sulla tua capacità di pagare.

  • 13. Chiedi informazioni abbondanti sulla fase finale della vita del tuo cane

    Se i trattamenti e la terapia hanno fallito e il tuo cane è entrato nella sua fase finale della vita, e hai deciso di curarlo a casa fino alla sua morte, chiedi al veterinario di spiegarti ogni singola fase prevista per questo ultimo momento della vita del tuo cane: che cosa implica esattamente la cura dell'ospedale, come si evolverà la salute del tuo cane, quale gestione del dolore intraprendere, ecc. Questo ti aiuterà a rendere gli ultimi giorni del tuo cane il più sereni e dignitosi possibile.

    Anticipare ciò che accadrà esattamente durante questa ultima fase della vita del tuo cane ti aiuterà anche a far fronte a questo momento emotivamente difficile e ad attenuare il tuo dolore.

  • 14. Chiedi un programma di dieta speciale per il tuo cane malato terminale

    Per la cura di fine vita, dovrai adattare il piano dietetico del tuo cane. In questo momento ha bisogno di un'alimentazione integrale altamente energetica ma facilmente digeribile (vedi capitolo 12).

  • 15. Chiedi consigli pratici su come organizzare le cure di fine vita e cosa ne consegue

    Ad esempio, se il tuo cane ha sviluppato incontinenza e ha bisogno di aiuto per alzarsi a urinare o defecare, il veterinario potrebbe suggerirti di usa una fascia o un asciugamano grande per avvolgerli sotto il corpo del tuo cane e aiutarlo. Se il tuo cane soffre di perdita di movimento, dolore, rumore di crepitio durante la fase di morte e se il tuo animale muore in casa, quali sono le opzioni da considerare?

  • 16. Chiedi informazioni dettagliate e realistiche sull'ultima fase della vita del tuo cane

    Più le informazioni che riesci ad avere sono realistiche e pratiche, più puoi aiutare il tuo cane a passare gli ultimi giorni / ore in pace e dignitosamente ed aiutare te stesso a far fronte all'ultimo addio.

    Potresti voler sapere: quali sono gli stadi tipici durante l'ultima fase della vita? In che modo questi influenzeranno la qualità della vita? Come saranno gli ultimi giorni / ore del cane? Come faccio a sapere quando il mio cane è pronto per partire? Come posso aiutare il mio cane in quel momento? Quando è necessaria l'eutanasia? Oppure una morte naturale nel ambito famigliare è possibile?

  • 17. Gestione del dolore nella fase finale della vita del tuo cane

    Quando il tuo cane malato terminale è entrato nella fase di fine vita e hai deciso di prenderti cura di lui / lei a casa (cura hospice), chiedi al tuo veterinario di darti i farmaci per la gestione del dolore e dell' anxia. Il campo del sollievo dal dolore è molto avanzato, quindi assicurati di chiedere al tuo veterinario di darti un antidolorifico sotto forma di cerotto: nella maggior parte dei casi, un cane nella sua fase finale della sua vita non sarà in grado di inghiottire i farmaci.

  • 18. Discutere ed elaborare un piano d'azione di fine vita personalizzato e scritto.

  • 19. Conferma la tua comprensione del messaggio dal veterinario e, se possibile, riepiloga ciò che pensi di aver capito con parole tue.

 

I miei difetti di comunicazione

12.3

Case-story no. 1

Alice non aveva ancora 5 anni. Ci eravamo allenati molto per le competizioni e all'improvviso ha iniziato a zoppicare. La risparmiai e la lasciai riposare, le diedi l'Arnica. Ma nulla sembrava aiutarla. Quindi, siamo andati dal veterinario per un esame e un consiglio. Lui la guardò, fece il suo esame toccandole corpo, schiena e gambe. Era chiaro, dichiarò, che Alice aveva una disfasia e doveva essere operata immediatamente. Ero scioccato e preoccupato per la mia cara e ho accettato subito: il suo benessere era la mia prima preoccupazione, anche se la sua carriera sportiva sarebbe finita da quel momento in poi. Una data per l'operazione fu fissata lo stesso giorno.

È solo grazie a mio marito che Alice non ha dovuto sottoporsi all'operazione: ha insistito per vedere un altro veterinario più specializzato per una seconda opinione. Questo veterinario ha fatto una radiografia e ha trovato ... Niente! Alice aveva avuto solo una distorsione, le è stato somministrato un antibiotico e Arnica. E dopo un paio di giorni era di nuovo se stessa!

Lezione: Sempre insistere su una radiografia o un screening dettagliata. Chiedere una seconda opinione prima di accettare terapie invasivi oppure operazioni!


Case-study n. 2

Inverno 2017, ca. 5 mesi prima della diagnosi del cancro di Alice, abbiamo notato che aveva sviluppato grandi macchie scure (marrone scuro, rossastro) appena sotto la pelle nella zona dell'addome. Siamo andati da due diversi veterinari, chiedendo loro se confermavano ciò che avevamo letto su internet e cioè che le macchie erano cambiamenti di pigmento dovuti all'età, ed entrambi lo hanno confermato, rassicurandoci sul fatto che non c'era nulla di cui preoccuparsi. Eravamo contenti.

Tuttavia, con il senno di poi ci ha lasciato sbalorditi che dopo l'intervento di emergenza ad agosto dello stesso anno (dopo la diagnosi del cancro), quando la milza di Alice è stata rimossa e 1 litro di sangue è stato drenato dall'addome e dai tessuti intrisi di sangue, questi cambiamenti del pigmento erano miracolosamente completamente scomparsi!

Questi cambiamenti del pigmento erano stati il ​​primo sintomo di un importante sanguinamento interno che aveva persino penetrato la pelle attorno all'addome?

Lezione: Mai dare un diagnosi, ma chiederne uno! Descrivere, ma non spiegare!


Case-study n. 3

Primavera 2017, solo un paio di mesi prima della diagnosi del cancro di Alice, abbiamo notato che era improvvisamente ingrassata e aveva un addome molto gonfio. Siamo andati dal veterinario e gli abbiamo mostrato quel che avevamo notato, spiegando che sospettavamo che ciò fosse dovuto al fatto che avevamo smesso di allenarci quotidianamente alle competizioni un paio di mesi prima, senza adattare il piano nutrizionale di Alice. Il veterinario guardò l'addome e confermò il nostro sospetto. Eravamo contenti.

Con il senno di poi, l'addome gonfio non era il 2 ° sintomo della sua emorragia interna, la milza scoppiata?

Lezione: Mai dare un diagnosi, ma chiederne uno! Descrivere, ma non spiegare! 


Case-study n. 4

All'inizio dell'estate 2017, un paio di settimane prima della diagnosi del cancro di Alice, abbiamo notato che Alice aveva del sangue nell'ano. Siamo andati dal veterinario e gli abbiamo mostrato la nostra scoperta, spiegando che sospettavamo che il sacco anale fosse infetto e che doveva essere svuotato - un tipico manifestazione clinico nei cani femmina. Il veterinario ha dato un'occhiata al sacco anale, lo ha svuotato e confermato il nostro sospetto ed eravamo contenti.

Con il senno di poi, il sangue proveniente dal sacco anale non era stato il primo segno di un massiccio sanguinamento interno dovuto al cancro?

Lezione: Mai dare un diagnosi, ma chiederne uno. Descrivere, ma non spiegare!


Case-study no. 5

All'inizio di agosto 2017, 2 giorni prima della diagnosi del cancro di Alice, ho notato che la lingua di Alice era bianca. Ho telefonato al veterinario e descritto il fenomeno, chiedendo all'assistente se ciò potesse essere dovuto al tempo molto caldo e cosa potevo fare? L'assistente ha gentilmente confermato il mio sospetto e mi ha consigliato di lasciare Alice tranquilla in un angolo freddo del giardino. Ero contento!

Però, questo era già stato il segnale di allarme !! Emorragia interna dovuta a una milza scoppiata. Stava sanguinando a morte! Avrebbe potuto morire già quella notte!

Lezione: Solo parlare con il veterniario in persona a proposito di una diagnosi!


Case-study no. 6

Lezione: Tempi e luogo di comunicazione sbagliati:

10 giorni dopo la chemioterapia, Alice ha perso in maniera massiccia sangue proveniente dalla vescica - sebbene fosse ancora apparentemente in forma, mangiando normalmente, senza mostrare alcun segno di sofferenza. Sapevamo che era la fine, ma andammo comunque con un campione di sangue dal veterinario locale. Era una giornata molto impegnativa dal veterinario, molti pazienti aspettavano il loro turno. Dopo aver consegnato il campione di sangue alla reception, il veterinario ci ha incontrato nella sala d'attesa e ci ha chiesto di andare immediatamente in clinica con Alice. Di tanto in tanto, nella sala d'attesa, davanti al banco della reception, il veterinario mi ha detto che ora dovuto considerare l'eutanasia e avremmo potuto lascare il cane lì subito se volevamo. Alice era accanto a noi, agitando la coda...

È stato uno shock! Anche per gli altri pazienti chi hanno sentiti la conversazione.


Case-study no.7 

Lezione: Opinione personale di un veterinario non circa sempre.

Infine, dopo la morte di Alice, ho chiesto al nostro veterinario se fosse consigliabile far effettuare regolarmente dlle ecografie agli altri miei cani per prevenire (o ridurre la possibilità di) lo stesso problema medico - specialmente tenendo presente che entrambe appartengono alla stessa linea familiare e potrebbero avere lo stesso background genetico. Questa è una domanda seria! Il veterinario mi ha detto che naturalmente avrei potuto farlo ma che secondo lui questo avrebbe avuto scarso effetto, poi anche se venisse fatto uno screening regolare, un altro tipo di cancro potrebbe svilupparsi in altre parti del corpo. Mi ha portato l'esempio dello screening del cancro al seno nelle donne per le quali, nonostante lo screening del cancro al seno, un altro tipo di cancro potrebbe non essere rilevato e svilupparsi altrove.

In altre parole, non lo considera molto utile ...