Che cosa è il cancro? Una definizione

5.1

Il cancro è un tipo di malattia in cui un gruppo di cellule mostra una o un susseguirsi di tre proprietà: crescita incontrollata, invasione e talvolta metastasi. Queste tre proprietà maligne (ossia virulenti, pericolose) differenziano il cancro dai tumori benigni (innocui), che sono auto-limitanti e per lo più non invadono o non creano metastasi. La maggior parte delle forme di cancro forma un tumore, ma alcune, come la leucemia, non lo fanno.

Il cancro ha origine nelle cellule, ossia nei mattoni che compongono i tessuti, che a loro volta formano gli organi umani. Normalmente, le cellule generano solo nuove cellule quando il corpo ne ha bisogno. Quando le cellule invecchiano, muoiono e vengono sostituite da nuove cellule. A volte questo processo naturale non funziona e le nuove cellule si formano anche quando il corpo non ne ha bisogno, o le vecchie cellule non muoiono quando dovrebbero. Questo è ciò che viene definito come crescita incontrollata.

La seconda proprietà maligna, l'invasione, si ha quando un tumore si forma a causa della crescita incontrollata invadendo i tessuti circostanti. Questa proprietà consente alle cellule tumorali di spostarsi nella linfa (situazione più comune) e nei vasi sanguigni, per essere così trasportate attraverso il corpo, solitamente creando un tumore secondario. La creazione di questo tumore distante da quello originale è la terza proprietà maligna delle cellule tumorali, meglio nota come metastasi.

Una volta che le cellule tumorali si sono diffuse, vengono spesso trovate nei linfonodi. Ma il cancro può diffondersi in quasi tutte le parti del corpo. I luoghi più comuni in cui il cancro si diffonde sono le ossa, il fegato, i polmoni ed il cervello. Questi nuovi tumori, risultato di metastasi, sono composti dallo stesso tipo di cellule anormali e dallo stesso nome del tumore originale. Ad esempio, se il cancro si diffonde dalla milza al polmone, le cellule tumorali presenti nel polmone sono in realtà le stesse cellule tumorali originariamente presenti nella milza. La malattia è quindi chiamata cancro splenico metastatico (proveniente dalla milza), non cancro ai polmoni.

 

Crescita incontrollata


Rischio di cancro nei cani

5.2

Il cancro è una delle principali cause di morte nei cani. Si stima che almeno 1 cane su 3 svilupperà il cancro e morirà di esso.

Tutti i cani sono a rischio quando si tratta di cancro, ma nessuno sa cosa causi esattamente certi tipi di cancro – mentre alcune tipologie potrebbero essere comprese più facilmente. Veterinari e ricercatori spesso non riescono a spiegare perché un cane sviluppa il cancro e un altro no. La ricerca ha dimostrato che esistono cani con determinati fattori di rischio che hanno più probabilità rispetto ad altri di sviluppare il cancro.

Alcuni fattori di rischio sono:

  • Ereditarietà (genetica): se alcuni parenti del nostro cane hanno sviluppato un cancro, allora il nostro cane ha un rischio maggiore di svilupparlo.

  • Sterilizzazione precoce: alcuni studi hanno dimostrato una correlazione tra la sterilizzazione delle femmine prima del primo calore e lo sviluppo di alcuni tipi di cancro. Tuttavia, la sterilizzazione precoce protegge la cagna dal rischio di cancro mammario. Quindi il rischio deve essere valutato in relazione ai benefici.

  • Nutrizione: alcuni ritengono che il cibo industriale (secco o umido) possa favorire alcuni tipi di malattie, tra cui il cancro. Tuttavia, non ci sono ancora evidenze scientifiche.

    Ulteriori letture:

    Der Jahrtausendirrtum der Veterinärmedizin
    http://www.transanimal-editor.de/index_d_jahrt.htm

  • Inquinamento ed esposizione a sostanze tossiche (fumo di sigarette, fumi di automobili, erbicidi da giardino, insetticidi ...). Esistono studi condotti nel Regno Unito che hanno dimostrato che i cani che trascorrono diverse ore al giorno su un prato altamente fertilizzato sviluppano un particolare tipo di cancro.

    Resource e ulteriore lettura:

    http://www.dogsnaturallymagazine.com/lawn-chemicals-and-cancer-in-dogs/

  • L’età dei nostri cani. L'età è il più grande fattore di rischio: il rischio aumenta con l'aumentare dell’età. Il 76% dei cani anziani che sviluppano il cancro non ha avuto altri fattori di rischio.

  • La razza dei nostri cani. Alcune razze sembrano essere soggette ad un rischio leggermente superiore rispetto ad altre nel sviluppare di un certo tipo di cancro (vedi sotto)

    Pastore tedesco, Golden Retriever, Boxer, Alano, Setter Inglese e altri cani di taglia grande sono particolarmente predisposti allo sviluppo di alcune forme di emangiosarcoma. Anche cani a pelo corto come Whippet, Dalmata, Pointers, Greyhounds e Pit Bulls sembrano essere predisposti. Le ragioni di questa predisposizione di razza non è ancora ben compresa, ma ci suggerisce l’esistenza di una componente genetica per questa tipologia di cancro. 

    Risorsa e ulteriore lettura: http://www.petwave.com/Dogs/Health/Hemangiosarcoma/Symptoms.aspx

  • La salute generale del nostro cane: i cani sovrappeso, obesi o sedentari sembrano avere un rischio maggiore di sviluppare il cancro.

    Molti fattori di rischio possono essere evitati; altri, come la storia familiare (fattori genetici) e l'età, non possono. Possiamo cercare di proteggere i nostri cani tenendoli lontani da noti fattori di rischio (vedi elenco sopra) quando possibile, ma non dovremmo lasciare che questo gestisca la nostra vita e quella del nostro cane.  È importante tenere presente che non tutti i cani che hanno conosciuto fattori di rischio sviluppano un cancro e che, viceversa, non tutti i cani che sviluppano un tumore hanno una storia familiare della malattia. Infatti, ad eccezione dell’invecchiare, la maggior parte dei cani con diagnosi di cancro non ha chiari fattori di rischio.

    Se il nostro cane ha uno dei fattori di rischio elencati sopra o meno, è importante cercare di poter fare una diagnosi precoce di un eventuale cancro. Pertanto, è importante parlare con il nostro veterinario di questa nostra preoccupazione il prima possibile, quando il cane è ancora giovane. In questo modo esso può suggerirci modi per ridurre i fattori di rischio (peso, alimentazione ...) e può pianificare un programma per effettuare controlli regolari e screening.

    Assicuratevi di avere una buona polizza assicurativa per il vostro animale domestico che copra lo screening e, se necessario, i trattamenti (vedi capitolo 14).

    Ulteriori letture:

    https://en.wikipedia.org/wiki/Cancer_in_dogs

Stretta collaborazione tra ricerca sul cancro umano e veterinario

5.3

Sfortunatamente le diagnosi di cancro nei cani sono in aumento, così come le diagnosi di cancro nelle persone. Infatti, il cancro del cane è la principale causa di morte, soprattutto dopo i 9 anni.

I cani hanno una somiglianza genetica superiore all'80% con l'uomo, contro solo il 67%  dei topi. Pertanto, alcuni tumori del cane sono microscopicamente e molecolarmente identici ai tumori delle persone. Anche le somiglianze nella risposta al trattamento sono simili. Questa è una buona notizia per la ricerca sul cancro canino.

Molte delle mutazioni genetiche che spingono le cellule a diventare cancerose nelle persone sono le stesse mutazioni che causano il cancro nei cani. Infatti, se visto al microscopio, è impossibile distinguere un tumore umano da un tumore del cane.

Tale somiglianza può essere utile per la ricerca sul cancro - sia per gli individui a 2 zampe che a 4 zampe. Un campo di studio noto come "oncologia comparativa" è recentemente emerso come un promettente mezzo per aiutare la cura del cancro. Ricercatori di oncologia comparativa studiano le somiglianze tra tumori negli animali e tumori nelle persone al fine di fornire indicazioni per curare il cancro in modo più efficace per entrambi.

Oggi, la maggior parte dei cani da compagnia riceve un'assistenza sanitaria di alta qualità in età avanzata, e i proprietari sono altamente motivati a cercare migliori opzioni per la gestione del cancro nei loro compagni e per minimizzare gli effetti collaterali.

Questo significa che qualsiasi nuovo trattamento per il cancro dimostratosi efficace negli esseri umani può spesso essere similmente efficace sui cani e viceversa. Gli studi sulla qualità della vita complessiva del paziente durante il trattamento (possibili effetti collaterali positivi e negativi) possono anche avvantaggiare i proprietari di cani, fornendo l'accesso a nuove e promettenti terapie contro il cancro per i loro animali domestici.

Per ulteriori letture:

http://edition.cnn.com/2017/02/03/health/dogs-cancer-partner/index.html?sr=twCNN020317dogs-cancer-partner0951PMVODtopPhoto&linkId=34115027

.